menu

Portale

Semplificazione
PNRR

11. SERVIZI SOCIALI E ASSIMILATI E SERVIZI GLOBALI

11.1. Servizi sociali e particolari servizi dei settori ordinari

11.1.c. Servizi di Ricerca e Sviluppo

FONTE CHI AZIONE
D. Lgs. n. 36/2023 art. 135 c. 1,2 STAZIONE APPALTANTE

Relativamente ai servizi di ricerca e sviluppo, le disposizioni del codice si applicano esclusivamente ai contratti relativi ai servizi di cui all’allegato II.19, a condizione che:
a) i risultati appartengano esclusivamente alla stazione appaltante, per essere destinati all’esercizio della propria attività;
b) la prestazione del servizio sia interamente retribuita dalla stazione appaltante.
Le stazioni appaltanti possono ricorrere, in applicazione dei principi del risultato, della fiducia e dell’accesso al mercato ( articoli 1, 2 e 3 D. Lgs. 36/2023) agli appalti pubblici precommerciali, che rispettino le condizioni delle lettere a) e b) del comma 1, quando:
a) siano destinati al conseguimento di risultati non appartenenti in via esclusiva alla stazione appaltante, che li usi nell'esercizio della propria attività;
b) la prestazione del servizio non sia interamente retribuita dalla stazione appaltante;
c) l'esigenza non possa essere soddisfatta ricorrendo a soluzioni già disponibili sul mercato.

D. Lgs. n. 36/2023 art. 135 c. 3 STAZIONE APPALTANTE

In sede di prima applicazione del codice, l’allegato di cui al comma 1 è abrogato a decorrere dalla data di entrata in vigore di un corrispondente regolamento adottato ai sensi della Legge n. 400/1988 articolo 17 comma 3 con decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca di concerto con il Ministro delle Imprese e del made in Italy, che lo sostituisce integralmente anche in qualità di allegato al codice.

Legge n. 400/1988 art. 17 c. 3 MINISTERI

Con decreto ministeriale possono essere adottati regolamenti nelle materie di competenza del ministro o di autorità sottordinate al ministro, quando la legge espressamente conferisca tale potere.
Tali regolamenti, per materie di competenza di più ministri, possono essere adottati con decreti interministeriali, ferma restando la necessità di apposita autorizzazione da parte della legge. I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente del Consiglio dei ministri prima della loro emanazione.

Documenti