menu

Portale

Semplificazione
PNRR

7. CONTRATTI SOTTO SOGLIA

7.1. Procedure di affidamento per contratti sotto soglia

7.1.b. Procedure di affidamento

FONTE CHI AZIONE
D.lgs n. 36/2023 All. I.1 art.3, c.1d STAZIONE APPALTANTE Si definisce affidamento diretto l’affidamento di un contratto senza una procedura di gara, nel quale, anche nel caso di previo interpello di più operatori economici, la scelta è operata discrezionalmente dalla stazione appaltante o dall’ente concedente, nel rispetto dei criteri qualitativi e quantitativi di cui all’articolo 50, comma 1 lettere a) e b), del codice e dei requisiti generali o speciali previsti dal medesimo codice
D.lgs n. 36/2023 All. I.1 art.3, c.1h STAZIONE APPALTANTE Si definiscono procedure negoziate le procedure di affidamento in cui le stazioni appaltanti e gli enti concedenti consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni del contratto
D.lgs n. 36/2023 art.50, c.1 a-c-d  
Per i lavori di importo inferiore a 150.000 euro si utilizza l'affidamento diretto, anche senza consultazione di più operatori economici, assicurando che siano scelti soggetti in possesso di documentate esperienze pregresse idonee all’esecuzione delle prestazioni contrattuali anche individuati tra gli iscritti in elenchi o albi istituiti dalla stazione appaltante

Per i lavori di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a 1 milione di euro si utilizza la procedura negoziata senza bando, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, ove esistenti, individuati in base a indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, (non previsto l’uso di altre procedure)

Per i lavori di importo pari o superiore a 1 milione di euro e fino alle soglie di cui all’articolo 14 (per lavori € 5.382.000) si utilizza la procedura negoziata senza bando, previa consultazione di almeno dieci operatori economici, ove esistenti, individuati in base a indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, fatta salva la possibilità di ricorrere alle procedure di scelta del contraente indicate all’art.70 comma 1 (procedure aperta, ristretta, competitiva con negoziazione, dialogo competitivo e partenariato per l’innovazione)
D.lgs n. 36/2023 art.50, c. 1 b-e STAZIONE APPALTANTE Per i servizi di ingegneria e architettura e attività di progettazione, di importo inferiore a 140.000 euro, si utilizza l'affidamento diretto anche senza consultazione di più operatori economici, assicurando che siano scelti soggetti in possesso di documentate esperienze pregresse idonee all’esecuzione delle prestazioni contrattuali, anche individuati tra gli iscritti in elenchi o albi istituiti dalla stazione appaltante

Per i servizi di ingegneria e architettura e l'attività di progettazione, di importo pari o superiore a 140.000 euro e fino alle soglie di cui all’art 14 (€215.00 nei settori ordinari e €431.000 nei settori speciali) si utilizza la procedura negoziata senza bando, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, ove esistenti, individuati in base ad indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, per l'affidamento di servizi e forniture.
D.lgs n. 36/2023 art.50 c. 2, All. II.1 art.3, c. 4 STAZIONE APPALTANTE Per la selezione degli operatori da invitare alle procedure negoziate, le stazioni appaltanti non possono utilizzare il sorteggio o altro metodo di estrazione casuale dei nominativi, se non in presenza di situazioni particolari e specificamente motivate, nei casi in cui non risulti praticabile nessun altro metodo di selezione degli operatori. Le stazioni appaltanti pubblicano sul proprio sito istituzionale i nominativi degli operatori consultati nell’ambito delle procedure utilizzate. I criteri di selezione degli operatori da invitare alla procedura negoziata sono indicati nella determina a contrarre o in altro atto equivalente.
D.lgs n.36/2023 All. II.1 art.1, c.1 STAZIONE APPALTANTE Gli operatori economici da invitare alle procedure negoziate per l’affidamento di contratti di lavori di importo pari o superiore a 150.000 e di contratti di servizi e forniture di importo pari o superiore a 140.000 euro e inferiore alle soglie di rilevanza europeasono individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, nel rispetto del criterio di rotazione degli affidamenti
D.lgs n. 36/2023 art.50, c. 8, 9 STAZIONE APPALTANTE I bandi e gli avvisi di pre-informazione relativi a gare per l'assegnazione di contratti di importi sotto soglia sono pubblicati a livello nazionale con le modalità di cui all’articolo 85, con esclusione della trasmissione del bando di gara all’Ufficio delle pubblicazioni dell'Unione europea.
Con le stesse modalità è pubblicato l’avviso sui risultati delle procedure di affidamento dell’appalto che, nel caso di procedure negoziate, contiene anche l'indicazione dei soggetti invitati.
D.lgs n. 36/2023 All. II.1 art.1, c. 2 STAZIONE APPALTANTE La procedura prende avvio con la determina a contrarre ovvero con atto equivalente secondo l’ordinamento della singola stazione appaltante che contiene l’indicazione dell’interesse pubblico che si intende soddisfare, le caratteristiche delle opere, dei beni o dei servizi oggetto dell’appalto, l’importo massimo stimato dell’affidamento e la relativa copertura contabile, la procedura che si intende seguire con una sintetica indicazione delle ragioni della scelta, i criteri per l’individuazione degli operatori da invitare alla procedura negoziata a seguito dell’indagine di mercato o della consultazione degli elenchi, i criteri per la selezione degli operatori economici e delle offerte nonché le principali condizioni contrattuali
D.lgs n. 36/2023 art.50, c. 4 STAZIONE APPALTANTE Per gli affidamenti con procedura negoziata, le stazioni appaltanti procedono all'aggiudicazione sulla base del criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa oppure del prezzo più basso ad eccezione dei casi che sono indicati all’articolo 108, comma 2.
D.lgs n. 36/2023 art.50, c. 5 STAZIONE APPALTANTE Se i contratti presentano un interesse transfrontaliero certo, disciplina applicata deve essere conforme ai principi del Trattato sull’Unione europea a tutela della concorrenza
D.lgs n. 36/2023 art.50, c, 6 STAZIONE APPALTANTE Dopo la verifica dei requisiti dell’aggiudicatario la Stazione Appaltante può procedere all’esecuzione anticipata del contratto; nel caso di mancata stipulazione l’aggiudicatario ha diritto al rimborso delle spese sostenute per l’esecuzione dei lavori ordinati dal direttore dei lavori
D.lgs n. 36/2023 art.50 c.7 STAZIONE APPALTANTE La stazione appaltante può sostituire il certificato di collaudo con il certificato di regolare esecuzione, che è rilasciato dal direttore dei lavori ed è emesso non oltre tre mesi dalla data di ultimazione dei lavori

Documenti