menu

Portale

Semplificazione
PNRR

3. PROGETTAZIONE

3.3. Gestione del progetto (CHI: RUP - Progettista)

3.3.c. Progetto Definitivo - Contenuti minimi

FONTE CHI AZIONE
D.P.R. n. 207 del 05/10/2010, Sez. III, art. 24, c. 2 PROGETTISTA / RUP Il progetto definitivo è redatto sulla base delle indicazioni del Progetto Preliminare approvato e di quanto emerso in sede di eventuale conferenza di servizi. Contiene tutti gli elementi ai fini dei necessari titoli abilitativi, dell'accertamento di conformità urbanistica o di altro atto equivalente; inoltre sviluppa gli elaborati grafici e descrittivi nonché i calcoli ad un livello di definizione tale che nella successiva progettazione esecutiva non si abbiano significative differenze tecniche e di costo.
D.P.R. n. 207 del 05/10/2010, Sez. III, art. 24, c. 2 PROGETTISTA / RUP Gli elaborati del progetto definitivo, salva diversa motivata determinazione del responsabile del procedimento ai sensi dell’art. 15, c. 3, anche con riferimento alla loro articolazione, sono i seguenti:
1. Relazione generale;
2. Relazioni tecniche e Relazioni specialistiche;
3. Rilievi planoaltimetrici e studio dettagliato di inserimento urbanistico;
4. Elaborati grafici;
5. Studio di impatto ambientale ove previsto dalle vigenti normative ovvero studio di fattibilità ambientale;
6. Calcoli delle strutture e degli impianti secondo quanto specificato all’art. 28, c. 2, lett. h) ed i);
7. Disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici;
8. Censimento e progetto di risoluzione delle interferenze;
9. Piano particellare di esproprio;
10. Elenco dei prezzi unitari ed eventuali analisi;
11. Computo metrico estimativo;
12. Aggiornamento del documento contenente le prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza;
13. Quadro economico con l’indicazione dei costi della sicurezza desunti sulla base del documento di cui al punto 12.
D.P.R. n. 207 del 05/10/2010, Sez. III, art. 24, c. 2 PROGETTISTA / RUP Quando il progetto definitivo è posto a base di gara ai sensi dell’art. 53, c. 2, lett. b), del codice ferma restando la necessità della previa acquisizione della positiva valutazione di impatto ambientale se richiesta, in sostituzione del disciplinare di cui all’art. 30, il progetto è corredato dello schema di contratto e del capitolato speciale d’appalto redatti con le modalità indicate all’art. 43 nonché del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all’art. 100 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, sulla base del quale determinare il costo della sicurezza, nel rispetto dell’allegato XV del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81. Lo schema di contratto prevede, inoltre, che il concorrente debba indicare, al momento dell’offerta, la sede di redazione del progetto esecutivo, nonché i tempi della progettazione esecutiva e le modalità di controllo, da parte del responsabile del procedimento, del rispetto delle indicazioni del progetto definitivo, anche ai fini di quanto disposto dall’art. 112, c. 3, del codice.

Documenti